07/11/12

T9





strofina il giusto è il romanzo che ti vedo
sogni allontano verbi mi sfuggono dalle palme delle mani
panni stesi al sale di molte volte che ho creduto
zucchine come mele e miele come unghie smaltate
ricordi che passeggiavamo sulle crepe delle onde
senza domandare
chi ci può vedere?
cattivo odore
presagio di pesce andato a male
rovina famiglie che non teme la sella del cavallo che piangeva in silenzio
anche io lo faccio
lo scrivo questo viaggio
politica e spaghetti si somigliano forse?
si in un tempo diverso
tutto potrebbe combaciare
le nostre labbra
le nostre lenzuola
le nostre scuole
le nostre figlie
le nostre coliti
le nostre amarezze
le nostre funicolari
sparire è facile come fare la doccia
rospo che non credi a niente
ingoia due pillole e non dire nemmeno arrivederci
che è meglio per tutti
denti
denti
solo bianchi e deludenti
denti
….


accidenti a sto T9!
volevo solo mandare un semplice messaggio
che diceva:

stronzo






(roma 7.11.2012)

Nessun commento:

Posta un commento