09/06/17

schiava dell'imprinting




sono dunque anche io
schiava del mio inprinting

che il buon vecchio eric berne abbia di nuovo ragione?
sembra proprio che l’ancor più saggio konrad lorenz sia proprio un testone

attratta dunque non da quel che mi si addice
ma da ciò che mi è familiare
anche se quel che mi è familiare mi distrugge?
inevitabilmente attratta da quell’odore di fumo
il fumo nella pelle
il fumo nella pelle delle mani
le mani dalla pelle fumosa che accarezzano la pelle delle mie guance
il fumo misto al profumo di sapone colpiscono il cervello
il mix micidiale spinge bottoni di una macchina sofisticata e delicata
i ricordi

non è dunque quindi un bel faccino
nè l’abilità oratoria
ancor meno quella orale
non l’arte nè l’empatia ancor meno la simpatia
è invece un miscuglio di odori e sciocchi particolari
che scatenano lo sconvolgimento
e davvero lo vogliamo chiamare
amore
?
mi inguaio dunque velocemente
non ne esco facilmente
ma il pattern si può
dice berne
e a volte si deve fermare
come?
-con l’analisi (mah..)
-con un evento traumatico (meglio)
-con l’amore
(che poi È l’evento traumatico….)





(londra 8.6.2017)

Nessun commento:

Posta un commento